«Riciclati 13 milioni truffati sull’ eolico»

“Ieri la Procura di Milano ha notificato l’ avviso di conclusione indagini e deposito degli atti a 9 indagati, tra i quali Nicastri, per evasione fiscale e truffa allo Stato per 19 milioni nel 2007, e Gaetano Buglisi e il suo braccio destro Roberto Saija per l’ ipotesi di riciclaggio. A Buglisi, a Saija e ad altri 4 i pm Luigi Luzi e Carlo Nocerino contestano «fino a luglio 2008» di «aver ostacolato l’ identificazione della provenienza delittuosa di gran parte di un “fondo nero” di 12,9 milioni, profitto di una truffa realizzata ai danni del Fisco» sull’ «ammontare di una plusvalenza tassabile» sparita tra Lussemburgo e Malta. «Artatamente pattuita una penale» per avere la scusa con la Eryngium Ltd di «incassare a titolo di pagamento 10 milioni», Buglisi e Saija avrebbero poi «effettuato, allo scopo di far rientrare le somme in Italia, trasferimenti di denaro a titolo di “finanziamento soci” o per “pagamento competenze professionali” o senza alcuna causale». Fin qui le conseguenze penali.”

Fonte: Corriere.it.

Questa voce è stata pubblicata in Criminalità e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.