A proposito di Mega Eolico, “Vediamoci chiaro”

“La Procura di Bari ha chiesto il rinvio a giudizio con le accuse di corruzione, abuso d’ufficio e falso, per il funzionario della Regione Puglia Nicola Rega, responsabile dell’Ufficio Energie e Reti Energetiche, e per l’imprenditore di Acquaviva delle Fonti (Bari) Domenico Barberio, rappresentante legale e gestore di fatto dell’impresa ‘Sviluppo Energie Rinnovabili Puglia Srl’. 

In pratica il funzionario ha occultato (a chiuso tutte e due gli occhi) su alcune dichiarazioni/relazioni progettuali false dell’imprenditore per un mega impianto eolico al fine di agevolarne/snellirne gli adempimenti normativi per la tutela dell’ambiente territoriale. Infatti si legge: ‘Il funzionario avrebbe quindi omesso di annullare le pratiche, ottenendo in cambio due soggiorni da circa 4.500 euro ‘presso la lussuosa struttura alberghiera ‘Relais Histò San Pietro sul Mar Piccolo’ a Taranto per il Capodanno del 2011 e per quello del 2012 e avrebbe inoltre ricevuto un incarico per la figlia retribuito con 5mila euro relativo a due traduzioni dall’italiano all’inglese.”

Fonte: San Teramo Live.

Questa voce è stata pubblicata in Criminalità e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.