Eolico nel Crotonese, per Adamo e alcuni imprenditori sequestro per l’ipotesi della maxi tangente

“Politici corrotti, funzionari infedeli, colossi industriali pronti ad estendere i propri tentacoli sul vento di Calabria, ricorrendo ad una maxi-tangente di 2,4 milioni di euro, promessa e, in parte (792 mila euro), anche versata. Si tratta di soldi che, passati di mano in mano, ora la giustizia rivuole indietro. E, il conto da pagare, finisce nelle stesse tasche di chi il provento di quella mazzetta si sarebbe diviso. Un provvedimento di sequestro per equivalente è stato, infatti, emesso dal gip, Livio Sabatini, a carico dei presunti protagonisti della vicenda, che ruota intorno al parco eolico ‘Pitagora’ di Isola Capo Rizzuto, realizzato sulla scia di Linee guida che sarebbero state varate ad hoc dalla Regione Calabria per rendere più agevole la strada degli investimenti e da ieri ‘sigillato’ dai segugi della Digos che hanno lavorato al caso su delega del sostituto procuratore, Carlo Villani. In particolare, la mano pesante del gip si è abbattuta su Nicola Adamo, Giancarlo D’Agni, Mario Lo Po, Carmelo Misiti, Mario Nucaro, Roberto Baldetti, Giampiero Rossetti e Stefano Granella.”

Fonte: Il quotidiano della Calabria.

Questa voce è stata pubblicata in Criminalità e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.