Ambiente, un mega parco eolico nella Stonehenge del Salento

“Pensavano di poter continuare a dormire tra gli ulivi, le ninfe e i fanciulli di ovidiana memoria che molti secoli fa danzavano tra le rocce nel paese dei Messapi. E gli ambientalisti del Salento si illudevano di non veder mai realizzato il mega-parco eolico progettato sulle colline tra Giuggianello, Minervino e Palmariggi, a poca distanza dalla superstrada che collega Maglie a Otranto. Sognavano, appunto. Perché il parco, dopo anni di battaglie a colpi di carta bollata, si farà.

Dopo decine di ricorsi e sentenze la parola definitiva è stata scritta dal Tribunale civile di Lecce, che, tra le righe del provvedimento con cui ha confermato il sequestro da 4 milioni e mezzo di euro alla società Maestrale Green Energy, ha ribadito la legittimità di tutte le autorizzazioni ottenute dalla Wind Service, prima ideatrice dell’opera. Dando sostanzialmente il placet all’innalzamento delle 20 torri alte 125 metri. Con buona pace delle ninfe e dei fanciulli. E di chi per anni si è battuto per preservare dallo scempio questa Stonehenge italiana. E con evidente soddisfazione degli imprenditori di Galatina, titolari della Wind Service che sullo sfruttamento del famoso vento salentino hanno puntato tutto.”

Fonte: Repubblica Bari.

Questa voce è stata pubblicata in Giurisprudenza e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.