La Corte di Cassazione sentenzia: le società eoliche paghino l’Imu ai comuni

“Questa è una mezza rivoluzione. Lo sarà in generale, ma soprattutto lo sarà per il Comune di Lacedonia.

Come ci segnala Felice Pennacchio, membro del coordinamento provinciale di Fli, la sezione tributaria della Corte di Cassazione, con le sentenze n. 4028, 4029 e 4030, depositate lo scorso 14 marzo, ha stabilito che i parchi eolici devono essere censiti nella categoria catastale D/1. Di conseguenza, sono soggetti al pagamento dell’Ici.

Il Palazzaccio ha infatti rigettato il ricorso di una medesima società nei confronti di due comuni del foggiano, che tramite avvisi di accertamento avevano contestato il mancato pagamento dell’Ici relativa alle annualità che vanno dal 2001 al 2005. La società sosteneva fosse più corretto accatastare i parchi eolici nella categoria E/3 (costruzioni e fabbricati per speciali esigenze pubbliche), per la quale è prevista (art. 7, comma1, lettera b del D. Lgs 504/1992) l’esenzione dal pagamento dell’Ici, e la sentenza n. 11 del giugno 2009, emessa dalla Commissione Tributaria Prov. di Bologna, sembrava orientare la giurisprudenza in questa direzione.”

Fonte: Domenico Bonaventura.

Questa voce è stata pubblicata in Giurisprudenza e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.