In Italia non c’è pace per l’eolico, si litiga anche per le pale offshore

Un’inchiesta di Repubblica:

“Abbiamo già dato. Troppe montagne, troppe vallate, troppe spiagge; la Sicilia ha avuto un danno incredibile da questo genere di istallazioni e non ne vuole altre’. Il presidente della Regione Sicilia, Rosario Crocetta, è chiaro. Si pronuncia così dinnanzi l’eventualità di costruire nuovi parchi eolici offshore nell’isola che già comprende 82 impianti a terra e ha visto crescere un business del vento che però ha attirato, come mostrato da numerose inchieste giudiziarie, anche l’interesse delle mafie. Eppure in cantiere ci sono nuovi progetti di eolico offshore che interessano proprio il territorio siciliano, tra questi quello della società spezzina Mediterranean Wind Offshore per un parco da 38 pali nel Golfo di Gela. Il governo ha detto sì, ma le Province di Agrigento e Caltanissetta hanno fatto ricorso al Tar.

Fonte: Repubblica.it.

Questa voce è stata pubblicata in Offshore e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.