L’alleanza dei sindaci contro l’eolico off-shore in Sicilia

Alleanza anti-eolico tra i sindaci di Petrosino e Marsala. Gaspare Giacalone chiama e Giulia Adamo risponde. Si tratta di 48 pale da installare a due miglia dalla costa. Il prossimo 6 giugno è stata convocata una conferenza di servizio per acquisire i relativi pareri. E’ dunque una corsa contro il tempo. Per il sindaco Giacalone “l’eventuale presenza del parco eolico comporterebbe un impatto grave ed un ulteriore danno all’ambiente. L’area interessata rappresenta un luogo di pesca importantissimo per la marineria del nostro Comune e non solo”. Quello che il sindaco di Petrosino intende bloccare, assieme agli altri amministratori della zona, è un impianto off shore che verrebbe realizzato in un tratto di mare prospicente la costa compresa tra Capo Feto e Punta Biscione. Nel primo caso c’è di mezzo un’area protetta. “Gli aerogeneratori – ha scritto il sindaco Giacalone – hanno un’altezza totale di 195 metri ed emergono dal mare per 150 metri e verranno posizionati a profondità batimetriche variabili dai 19 ai 40 metri. Il fondale scende piuttosto gradatamente, con batimetriche che vanno dai 10 ai 60 metri ed oltre. La presenza di forti correnti che trasportano grandi quantità di plancton rende quest’area particolarmente ricca di vita e di colori. I fondali del Biscione sono conosciuti per la ricchezza di fauna e flora marina e per la notevole biodiversità, oltre che per le enormi distese di poseidonia oceanica”.

Fonte: Live Sicilia.

Questa voce è stata pubblicata in Offshore e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.