Apprezzamento dal Comitato Nazionale contro fotovoltaico ed eolico per la bozza di decreto rinnovabili

Pubblichiamo il Comunicato Stampa del Comitato Nazionale contro Fotovoltaico ed Eolico nelle Aree Verdi:

Esprimiamo apprezzamento per la bozza di decreto governativo sulle rinnovabili elettriche.
Caldeggiamo una severissima limitazione all’accesso agli incentivi per gli impianti rinnovabili industriali.
Il Governo osi fino in fondo: dia uno STOP definitivo alla speculazione eolica.
Il Comitato Nazionale contro Fotovoltaico ed Eolico nelle Aree Verdi esprime il proprio apprezzamento per la bozza relativa al “Decreto sulle Rinnovabili Elettriche” emanata dal Ministro dello Sviluppo Economico di concerto col Ministro dell’Ambiente resa nota qualche giorno fa.

La bozza, se approvata così com’è, segnerebbe un’importante dicotomia con quanto verificatosi fino ad oggi. Negli ultimi anni abbiamo assistito ad un’esplosione di impianti eolici industriali che hanno letteralmente devastato dal punto di vista paesaggistico e ambientale alcune zone d’Italia, soprattutto nel meridione. Questa massa incontrollata di impianti industriali ha goduto di ingenti incentivi senza limitazione alcuna e ha gravato in modo intollerabile la bolletta elettrica degli italiani, arrivando al punto di sovraccaricare di oneri impropri il costo dell’elettricità.

Ora pare che il Governo stia correndo ai ripari imponendo una serie di misure che finalmente mettono un tetto annuo alla potenza installata che accederebbe agli incentivi. Bene, era ora.

La bozza prevede, infatti, delle misure di contingentamento per evitare che la spesa sfugga ad ogni controllo, istituisce delle aste al ribasso per gli impianti oltre i 5 MW e l’iscrizione a registri nazionali per tutti gli altri. I registri stabiliscono dei volumi massimi predefiniti per ciascun anno e per tecnologia e creeranno graduatorie seguendo criteri di priorità.

Invitiamo il Governo a non recedere dalle intenzioni manifestate, lo esortiamo a non cedere alle pressioni della speculazione che iniziano già a manifestarsi e, anzi, auspichiamo che l’azione governativa prenda coraggio e diventi consequenziale a quanto esposto nelle premesse della bozza. Esortiamo il Governo a porre uno STOP definitivo alle tecnologie più dannose per il paesaggio, come l’Eolico, e ad allocare le risorse così risparmiate al ben più benefico settore del risparmio energetico e dell’efficienza.

Il Governo sappia fin da ora che se questo sarà l’esito della sua azione avrà il plauso e l’approvazione delle migliaia di cittadini che hanno subito inermi la devastazione causata dalle energie rinnovabili industriali fuori controllo quali l’eolico industriale.

Il Comitato Nazionale contro Fotovoltaico ed Eolico nelle Aree Verdi non è avverso alle energie rinnovabili ma ribadisce di essere fermamente contrario alle speculazioni ordite sulla testa dei cittadini a danno dell’ambiente e dei territori.

Il Comitato Nazionale contro Fotovoltaico ed Eolico nelle Aree Verdi

Questa voce è stata pubblicata in Legislazione. Contrassegna il permalink.