Tre paradossi per spiegare all’Europa che in Italia la Green Economy si declina anzitutto sul territorio

Che vuol dire green economy? Economia sostenibile. Che vuol dire sostenibile? Che a lungo termine il degrado – inevitabile, è una legge della termodinamica – dovuto alle attività dell’uomo risulti talmente lento da consentire alle future generazioni di adattarsi, e alla natura di incorporarlo tra gli altri suoi mutamenti.

Qual è in Italia il peggior segno dell’azione dell’uomo occorsa negli ultimi settant’anni (due generazioni)? E’ facile rispondere: basta viaggiare e guardarsi intorno alla ricerca dei residui fazzoletti di verde, nel basso Lazio come nel Nord-est, in Campania come in Lombardia, o constatare il degrado di piccoli e grandi siti archeologici e paesaggistici. Spazi non sfruttati al massimo ormai rimangono solo in aree marginali o dismesse. Cosa c’è di più green della terra, soprattutto nelle condizioni italiane tipiche per clima e geografia? Altro che cappottini per edifici affacciati sul Mediterraneo che li soffocano d’estate, e pannelli fotovoltaici che nel Belpaese arroventano l’aria, e pale eoliche che da noi girano lente, quando girano.

via Astrolabio.

Questa voce è stata pubblicata in Paesaggio e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.