Dalle associazioni ambientaliste stop all’eolico a difesa del paesaggio

“Tagliare gli ecoincentivi, soprattutto all’eolico, per combattere le speculazioni che mettono a rischio il paesaggio. L’appello arriva da dieci associazioni (Altura, Amici della terra, Comitato nazionale del paesaggio, Comitato per la bellezza, Italia Nostra, Lipu, Mountain wilderness, Movimento Azzurro, Terra Celeste e Verdi Ambiente e Società) ed è indirizzato ai ministri dell’attuale governo, con il sostegno di oltre trenta comitati locali.
A spingere i firmatari a indirizzare la missiva a Passera, Clini, Ornaghi, Catania, Gnudi, Barca e Grilli, è la preoccupazione per il proliferare di impianti eolici in luoghi di interesse naturalistico, paesaggistico o culturale. In previsione degli attesi provvedimenti di attuazione del dlgs 28 – 2011, in particolare quello che riguarderà gli incentivi per gli impianti eolici, si chiede che nella modifica del sistema incentivante si renda obbligatorio tenere conto di alcuni fattori, primo fra tutti “che rispondano a criteri di equità e congruità” visto che “gli incentivi sono a carico dei contribuenti”.”

Fonte: ADNKronos.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.