Enna. Grido d’allarme: fermiamo gli ‘avvoltoi’ del territorio ennese

Oltre al disegno di cancellare i presidi istituzionali della nostra provincia, alcuni già attuati (Banca d’Italia, Tesoreria dello Stato, Camera di Commercio), altri annunciati (Prefettura), vi sono in atto altri tristi obiettivi riguardanti l’azzeramento di tutto ciò che si è costruito nei decenni trascorsi. Primo fra tutti la distruzione del patrimonio boschivo delle zone interne per ‘foraggiare’ gli impianti di Biomasse e in second’ordine, non meno invasivo, la volontà da parte dei “signori” del vento di realizzare dei mega parchi eolici. Alla notizia della sentenza favorevole presso il Tar di Palermo del ricorso per motivi ambientali contro la realizzazione del parco eolico di Rossomanno e Grottacalda – programmato circa due anni fa, il cui esito si deve alla caparbia ‘attenzione’ di Giuseppe Maria Amato e di un palermitano al quale sta a cuore le sorti del nostro territorio – è di questi giorni un nuovo grido di allarme riguardo alle istallazioni dei parchi eolici nelle zone di maggior interesse ambientale della nostra provincia.

via Vivienna.it.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.