Eolico, beni comuni e “sciagura Molise”, Caporale scuote le coscienze

L’eolico è il punto di partenza, per «andare oltre e riflettere sulla nostra condizione, sulla percezione della vita, delle relazioni, dei valori». Questo il senso del libro “Controvento”, spiegato dallo stesso autore, il giornalista Antonello Caporale, a una platea numerosa e attenta, nel cinema Sant’Antonio. Caporale ha parlato di come è nato il suo desiderio di approfondire lo sfruttamento dell’energia eolica, dopo essersi imbattuto in decine di pale, sull’autostrada Napoli-Bari. E ha poi allargato il discorso, lanciando un monito a riflettere su «quello che siamo diventati oggi, sull’impoverimento, così feroce, su come si rafforza paradossalmente sempre più l’idea che qualunque cosa pubblica produca delinquenza, corruzione. Se siamo onesti a casa nostra e delinquenti quando mettiamo piede in municipio, in parlamento, nell’Asrem, che senso ha la nostra vita?

Fonte: Primonumero.it.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.