I tentacoli della ‘ndrangheta: ditta di Caorle scelta per l’eolico a Cutro

Avrebbe sede a Caorle la società che venne scelta dal clan ‘ndranghetista emiliano/cutrese come capofila per un affare importante: il cosiddetto “Piano Cutro”, cioè la costruzione di un parco eolico nella campagna cutrese realizzato grazie ai finanziamenti dell’Unione europea. E’ quanto denuncia in una nota la Legambiente del Veneto. Il dettaglio emergerebbe dall’informativa dell’Arma dei carabinieri in relazione all’inchiesta della Procura bolognese contro la cosca Grande Aracri attiva tra Cutro e Reggio Emilia.

"Nel novembre 2011 un crotonese residente in provincia di Verona divenne amministratore della società. Nel luglio dello stesso anno, secondo quanto scrivono i carabinieri nella loro relazione, viene messo a punto il "Piano Cutro" – continua Legambiente – Per la presentazione del progetto viene individuata, quale capofila, la società di Caorle sul cui capitale sociale subentrerà il cutrese R.O.".

via Venezia Today.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.