Impianti eolici e rischio sismico: il caso dell’Appennino umbro-marchigiano

Riceviamo da Maria Cristina Garofalo queste informazioni sul pericolo sismico degli impianti eolici in progetto per l’Appennino umbro-marchigiano. Si tratta di valori molto elevati per tutti gli impianti: ricordiamo anche che in Italia non è prevista per le torri eoliche nessuna fascia di rispetto da abitazioni e strade o altri luoghi aperti al pubblico.

Impianti eolici appennino umbro-marchigiano:

-Poggiodomo zona sismica 1

-Arrone zona sismica 1

-Ferentillo zona sismica 1

-Polino zona sismica 1

-Montefranco zona sismica 1

-Serravalle di Chienti zona sismica 1

-Pieve Torina zona sismica 1

-Pievebovigliana zona sismica 2

-Monte Cavallo zona sismica 1

Zona 1 – E’ la zona più pericolosa, dove possono verificarsi forti terremoti. Comprende 725 comuni.

Zona 2 – Nei comuni inseriti in questa zona possono verificarsi terremoti abbastanza forti. Comprende 2.344 comuni

Zona 3 – I Comuni interessati in questa zona possono essere soggetti a scuotimenti modesti. Comprende 1.544 comuni.

Zona 4 – E’ la meno pericolosa. Nei comuni inseriti in questa zona le possibilità di danni sismici sono basse. Comprende 3.488 comuni.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.