Istanza a Vendola della LIPU Puglia sulla proliferazione di impianti energetici rinnovabili sul territorio pugliese

La sezione pugliese della LIPU (Lega Italiana Protezione Uccelli) indirizza un’istanza al governatore della Regione, Nichi Vendola, chiedendo di intervenire per bloccare il disastro ambientale provocato dalla proliferazione di impianti per la produzione di energia “rinnovabile:

La proliferazione selvaggia di impianti eolici nel Mezzogiorno e in particolare in Puglia è del tutto avulsa da qualsivoglia serio approccio pianificatorio. L’aggressività determinata da incentivi esponenziali non mediati da regole altrettanto robuste ha ormai ipotecato gran parte del territorio rurale.
In Puglia si registrano l’approvazione di 2064 torri eoliche e quasi 3900 MW in buona parte realizzate. In proposito il report elaborato dalla LIPU e da cui si evince in maggior dettaglio il collasso in atto è scaricabile al link http://www.lipucapitanata.it/wp- content/uploads/2010/08/REPORT-complessivo-impianti-eolici-Puglia.pdf .
Il fotovoltaico, poi, sta percorrendo la medesima strada speculativa nell’ottica di un imbarbarimento del concetto di “territorio” ridotto a mero ricettacolo di qualsivoglia impianto industriale sotto le mentite spoglie della ecocompatibilità, accelerando esponenzialmente la dinamica di consumo di territorio.
Qualunque aspettativa in ordine al futuro Piano Paesistico rischia di essere del tutto tardiva alla luce dei pareri in capo al Governo centrale ancora da emettersi e dei relativi tempi di approvazione dello stesso Piano.
Si PREGA DI VALUTARE CON ESTREMA ATTENZIONE LA DISAMINA CHE SEGUE E LE RELATIVE ISTANZE poiché la situazione è al collasso a partire da aree di notevole valore.
I residui spazi di manovra politica consentirebbero, se attuati in tempi brevissimi, quanto meno di salvare alcune testimonianza di quella che fu la ruralità del territorio pugliese e i valori di biodiversità, paesaggio, storia e identità culturale associati. Le società dal canto loro impongono, come sarà noto, il prosieguo dei procedimenti a suon di ricorsi al TAR e pertanto ogni giorno che passa le ipoteche territoriali si aggravano inesorabilmente.

Scarica l’intero documento in formato PDF.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.