La selva eolica che oscura il paesaggio lucano

La Regione Basilicata, dopo aver redatto ed approvato il PIEAR Piano di Indirizzo Energetico Ambientale Regionale che concede alle lobby eoliche quasi 1.000 MW di potenza ed altrettante pale eoliche di tipo industriale pari ad 1 MW e/o superiore, cerca di correre ai ripari, purtroppo senza risultati, contro quello che viene definito “effetto selva” eolico, ovvero la proliferazione di torri eoliche situate a breve distanza tra loro. Un effetto che determina un impatto visivo notevole sulle prospettive visuali al quale bisogna aggiungersi le pale del cosiddetto minieolico che di “mini” hanno spesso solo la definizione. Situazione questa che i burocrati regionali non avevano messo in conto, essendo il minieolico autorizzabile con semplice DIA Dichiarazione Inizio Attività rilasciata dai Comuni.

via Olambientalista.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.