L’intervento dell’Assessore Provinciale Equitani sull’eolico di Piansano

Segnaliamo l’intervento dell’assessore all’ambiente della Provincia di Viterbo, Paolo Equitani, al Consiglio comunale straordinario di Tuscania. L’intero intervento può essere letto sul sito L’ink-antropo di Daniele Camilli:

A me venne la malaugurata idea, per certi versi, e per certi versi ne sono orgoglioso, insieme ad altri colleghi amministratori, io, insieme alla provincia di Viterbo, mi sono occupato della situazione di Piansano, che tutti conoscete, ed abbiamo fatto ricorso al tar per il parco eolico, che ugualmente abbiamo perduto, perché il tar ci ha dato torto naturalmente. Nonostante io sia convinto ancora oggi che abbiamo ragione, abbiamo fatto poi ricorso al consiglio di stato e sono convinto che ci daranno torto anche li. noi siamo quelli che si scontrano come un trenino contro un carro armato, e’ evidente quindi che questi ci calpestano. Quindi noi stiamo lottando o comunque facciamo opposizione contro centri di potere di grandissima importanza a livello internazionale, cioe’ noi siamo come le pulci. Noi abbiamo corso il rischio, facendo ricorso, di pagare i danni che queste aziende ci possono chiedere di pagare. Questi investimenti degli impianti, come quelli di Tessennano e Piansano, sono nell’ordine di 100 milioni di euro. Potete capire che bloccare i lavori per un mese sia un danno per queste aziende. Quindi ci siamo assoggettati a proprio rischio personale , naturalmente sottoscrivendo assicurazioni, a pagare questi danni, ma non so fino a che punto queste assicurazioni copriranno queste spese. Queste battaglie non sono battaglie semplici che può fare il singolo cittadino, queste sono quel tipo di battaglie che hanno bisogno della sensibilità popolare di un coinvolgimento della cittadinanza. ci deve essere un movimento che dica basta. Cioè devi coinvolgere la gente, devi far capire i danni che si stanno facendo all’ambiente ed al territorio.

Fonte: L’ink-antropo

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.